Summer School 2018
2037
page-template-default,page,page-id-2037,theme-bridge,bridge-core-2.9.6,woocommerce-no-js,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-28.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

Sicilia coast to coast è un’attività di formazione itinerante che nell’agosto 2018 porterà un gruppo di circa 30 studenti e ricercatori provenienti da tutta Italia ad attraversare la Sicilia a piedi, da Mazara del Vallo (TP) a Palermo, per indagare i mutamenti in atto nei paesaggi naturali e abitati e per restituirne narrazioni spaziali e possibili traiettorie progettuali utili a migliorarne le condizioni di abitabilità.

La Summer School è patrocinata da sei università Italiane (DiST/Politecnico di Torino, ABC e DASTU/Politecnico di Milano, Saad/Università degli Studi di Camerino, DICAAR/Università degli Studi di Cagliari, CIRCES/Università degli Studi di Palermo e Università di Teramo) da Ikonemi e dalla sezione Sicilia dell’Istituto Nazionale di Urbanistica.

La Summer School sarà occasione per studiare i territori segnati dagli incendi, riflettendo sia sulle politiche e sulle pratiche di prevenzione e gestione, sia sulle conseguenze della catastrofe. Attraverso il contributo di ricercatori, amministratori, comitati e associazioni locali, il gruppo studierà l’emergenza nei suoi risvolti di contenimento del rischio e di analisi degli impatti sociali e spaziali del rogo, riflettendo su come strumenti, tecniche, apparati conoscitivi del progetto e delle politiche urbanistiche possano aumentare la comprensione dei fenomeni in atto e fornire supporto per la tutela del patrimonio territoriale. Lo sguardo dei partecipanti sarà orientato ad indagare i cambiamenti fisici (nella morfologia del territorio, nell’assetto vegetazionale e nelle produzioni agricole, nel rapporto tra insediamenti e spazi aperti) e sociali (nelle pratiche quotidiane delle comunità, nella ricostruzione identitaria e percettiva dei luoghi) in atto nei contesti interessati dagli incendi.