Nicola Domaneschi / Marco Verdi
2628
page-template-default,page,page-id-2628,theme-bridge,bridge-core-2.9.6,woocommerce-no-js,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-28.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

Nicola Domaneschi / Marco Verdi

Memorie sfiorate

La storia accade sempre come memoria. Essa risiede nel movimento interiore di chi, richiamando i fatti passati, li costruisce nel sapere presente.
Una memoria delle cose dell’acquasantano: voci registrate riferiscono di strade e mulattiere, pascoli, boschi e castagneti. Testimonianze, segni calati in un montaggio di suoni materici, registrati sul campo, la cui origine non è immediata, ma indissolubilmente legata al territorio. La stratificazione di queste tracce compone un’evocazione di paesaggio che costringe al ricordo, stimolando un processo di ricostruzione mnemonica, rammemorazione, intimo e singolare.
*
Nicola Domaneschi nasce a Cremona. Si avvicina alla fotografia studiando Graphic Design alla Libera Accademia di Belle Arti di Brescia. Marco Verdi nasce a Pavia. Dopo un MSc in Sound and Music Engineering al Politecnico di Milano, si specializza in acustica. Iniziano a collaborare avviando un percorso di sperimentazione sonora, per poi fondare, nel 2011, il progetto multidisciplinare Mount Fog insieme allo svedese Erich Grunewald. La loro ricerca si concentra principalmente su fotografia documentaria e sound art, con particolare interesse per il paesaggio antropizzato, l’interazione uomo-natura, la rappresentazione simbolica di architetture e manufatti e lo spazio percettivo del suono. Studiano i confini e le connessioni tra pratiche d’ascolto, audio immersivo, field recordings e suoni preparati.
Il progetto Flood, Medication Blues, indagine sul rapporto tra l’uomo e il paesaggio del fiume Po trasfigurato dalla grande alluvione del 2013, è stato inserito nel catalogo di Urbanautica Institute Awards 2018, in Bab Magazine, ed esposto ad Algae Festival di Como nel 2021. Hanno pubblicato l’album Archives 2010-19 (Die Brücke, 2019) e il lathe cut We Know Nothing (Hustle, 2017).
Dal 2015 ad oggi hanno esposto e tenuto concerti presso il PAV Parco Arte Vivente (Torino), Saturnalia Festival (Milano), Diecixdieci Festival (Gonzaga), Standards (Milano), Fotografia Europea Off (Reggio Emilia), Triennale di Milano (Premio Riccardo Prina), SI Fest Off (Savignano sul Rubicone) e in spazi e gallerie privati.

mountfog.com