Lab_Cinema e Fotografia | 2019
1989
page-template-default,page,page-id-1989,theme-bridge,bridge-core-2.9.6,woocommerce-no-js,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-28.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive
L’IMMAGINE, TRA FORMA VISUALE E RACCONTO

Edizione 2019

Ingmar Bergman

Andrej Tarkovskij

Il progetto-laboratorio si è svolto tra marzo e maggio 2019, nell’arco di tre incontri, a San Benedetto del Tronto presso la sala multimediale della biblioteca G. Lesca e quella della poesia del Palazzo Piacentini. I punti di partenza privilegiati per sviluppare i lavori fotografici, di questa prima edizione, sono stati la poetica e l’estetica di Andrej Tarkovskij e Ingmar Bergman.

I fotografi partecipanti si sono misurati con le poetiche di questi grandi autori della storia del cinema, con l’intento non di clonare le immagini dei cineasti in questione ma di sviluppare un loro personale lavoro che affondasse le radici creative nell’estetica e nella poetica di Bergman e Tarkovskij nella consapevolezza che la produzione artistica non può essere, mai, del tutto autonoma e senza ombra di dubbio si abbevera sempre, e fortunatamente, a fonti precedenti, come dimostrano le storie di tutte le arti.

Si sono ispirati al cinema di Ingmar Bergman Giulia Oglialoro, Alessandro Picchione, Valerio Polici, Dante Marcos Spurio.

E al cinema di Andrej Tarkovskij: Giulia Calore, Alessia Cervini, Alice Petocchi, Gloria Guglielmo, Francesco Natalucci.

LE IMMAGINI DEI PARTECIPANTI