Ikonemi Fotografia | Gianpaolo Arena | My River
388
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-388,bridge-core-1.0,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-18.0.4,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive
Autore

Gianpaolo Arena

Luogo Espositivo

Museo Civico, piazza Marconi 1, Monsampolo del Tronto.

Orari

venerdì , sabato e domenica e festivi 16 - 19

Category
Altri Fondovalle, Museo Civico, Personali

Le immagini di My River (2008-2012) mostrano un’atmosfera romantica costruita su un sapiente utilizzo delle luci e delle proporzioni in cui a volte un’estesa latitudine di posa indica esattamente una medesima estensione dell’anima, per un’esperienza sensoriale e di spirito.

E’ il caso dell’autore che rende incerta l’idea tradizionale della fotografia riproduttivo – documentaria e si affida a un’estetica della forma, con sguardo allargato sullo spazio. Queste premesse infatti trovano forma organica in un’opera che è quasi pittorica, pur nella severa e ardimentosa geometria del formato quadrato. Per i fruitori, sono visioni toccanti che interrompono l’osservazione e innescano l’immaginazione, per Arena sono sospensioni visive e partecipate di paesaggi abitati da un io interiore, carico del proprio vissuto: una dialettica tra la descrizione minuziosa del paesaggio di fiume e il distendersi del tempo dell’esperienza. Ma il senso del reale a volte è subordinato al senso estetico e il colore suggerisce quelle sensazioni tattili che ne darebbero la forma e la profondità senza tuttavia svelarne la geografia. Il riconoscimento visivo è quasi ignoto; l’immagine è rivalutata poiché la profondità e la morbidezza producono esercizi di senso dove i paesaggi ripresi, quasi come delle ariose stanze, hanno proprio un peso all’interno dell’opera.

Gianpaolo Arena è editore di Landscape Stories mag e curatore del progetto CALAMITA/À, una piattaforma di indagini e ricerche sui territori del Vajont. Nel 2013 ha partecipato alla X Biennale di Architettura di São Paulo, Brazil con lo studio Latitude Platform. Nel 2014 ha scritto la prefazione alla monografia di Joël Tettamanti “Past, Present and Future”, Benteli Verlag editore. Nel 2015 è stato giurato al ‘Photobook Award’ a Melbourne e a ‘On Landscape Project’, Matèria a Roma; ha fatto parte della giuria del ‘Photobook Award’ di Melbourne e di ‘On Landscape Project’, Matèria a Roma. Ha vinto la V ed. del premio Riccardo Prina con il progetto ‘Collapsing Stars’.

leggi un’intervista all’autore qui.