Ikonemi Fotografia | Fondovalle | Simone Letari
330
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-330,bridge-core-1.0,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-18.0.4,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive
Autore

Simone Letari

Luogo Espositivo

Mueso Civico, Piazza Marconi, 1, 63030 Monsampolo del Tronto AP, Italia

Orari

venerdì , sabato e domenica e festivi 16 - 19

Category
Fondovalle, Museo Civico, Personali

Ferrovia. Il più importante fra i vari congegni meccanici che ci permette di fuggire da dove siamo per recarci in luoghi dove non staremo affatto meglio.

[Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911]

L’indagine fotografica che ho condotto sul territorio del fondovalle del Tronto si è incentrata sul tema della ferrovia che attraversa il territorio tra Centobuchi e Villa San Pio X, seguendola in linea retta ed osservandola in modo trasversale. Mi sono soffermato nelle stazioni e nelle loro pertinenze, l’ho percorsa nei tratti di campagna e nelle zone più densamente abitate, sia residenziali che industriali, mi sono passati davanti agli occhi scenari sempre nuovi e diversi. Ho sempre guardato la ferrovia con occhi superficiali, limitandomi ad intenderla come un modo veloce per avvicinare, e quindi unire, due luoghi distanti fra loro, ma a ben vedere, mi accorgo che inevitabilmente, in pochi metri, avviene un paradosso in senso trasversale. I binari corrono paralleli per lunghi tragitti e come cesoie tagliano il paesaggio in modo netto; ponti, sottopassaggi, passaggi a livello dividono o segnano confini imprescindibili, creano situazioni spesso ostili, con cui l’uomo, costruttore ed utilizzatore al tempo stesso, deve comunque convivere.

Simone Letari è nato nel 1971 a Castelnuovo di Garfagnana (LU), dove vive e lavora. Autodidatta, comincia a fotografare da giovanissimo, avvicinandosi in seguito alla vita dei circoli fotoamatoriali. Fin dall’inizio degli anni ‘90 frequenta il Circolo Fotocine Garfagnana. La passione per la fotografia lo ha portato a cimentarsi nei vari generi fotografici; negli ultimi anni è incuriosito ed attratto dalla fotografia di paesaggio, vista come indagine territoriale.