Ikonemi Fotografia | Arcipelago
430
page-template-default,page,page-id-430,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Arcipelago Polesine è un’indagine fotografica del Delta del Po curata da Daniele Cinciripini e Serena Marchionni.

Arcipelago è titolo e indirizzo metodologico del progetto. Il Polesine è, per etimologia, una terra emersa dalle acque, un insieme di isole mutevoli. Il progetto d’indagine fotografica è concepito quale creazione di un arcipelago di sguardi attraverso l’opera di diversi fotografi.

I fotografi coinvolti nel progetto sono (in ordine alfabetico):

Lara Bacchiega, Giulia Callegarin, Francesco Antonio Caratù, Flavio Castellani, Alessia Cervini, Marco Crivellaro, Marco Fava, Laura Furlanetto, Francesca Iovene, Roberto Lagrasta, Simone Letari, Antonio Lovison, Simona Lunatici, Alessandro Marchi, Chiara Medici, Pietro Millenotti, Luana Rigolli, Flavia Rossi, Dante Marcos Spurio, Alberta Zallone, Gianni Zanni.

L’indagine fotografica Arcipelago si è svolta nell’arco di circa 9 mesi dal 25-26-27 novembre 2016 ad agosto 2017 e si concluderà con una mostra collettiva e pubblicazione previsti per il 2018.

Il progetto prende avvio da un workshop di due giorni e da un seminario preliminare che intendono essere l’inizio dell’indagine fotografica vera e propria. Il territorio è stato presentato ai partecipanti attraverso l’esplorazione di aree sensibili che ben rappresentano le molteplici identità del paesaggio polesano, inoltre, ad ognuno di essi è stata affidata una mappa satellitare con la quale rintracciare tali aree ed elencarne di nuove e proprie.

Nell’arco dei mesi i fotografi hanno potuto contare sul supporto dei due curatori ed essere guidati attraverso ogni fase progettuale del lavoro fotografico, dalla definizione del tema, attraverso le fasi di ripresa, fino all’editing finale di una serie fotografica. Obiettivo dell’indagine era quello di coadiuvare ogni partecipante alla maturazione di personali scelte fotografiche e linguistiche nella realizzazione della propria serie fotografica dedicata al paesaggio polesano.

Obiettivo finale dell’indagine è quello di produrre una mostra itinerante con i lavori personali dei partecipanti e un libro che raccolga e reinterpreti, anche grazie al contributo di altre discipline, questo arcipelago di sguardi.

Arcipelago Polesine è stato realizzato grazie al prezioso contributo culturale dell’Associazione Minelliana, il patrocinio del Gal del Delta del Po e dei comuni di Adria, Bosaro, Corbola, Porto Tolle, Porto Viro, Taglio di Po.

Il Polesine è un vasto territorio del Veneto meridionale, il cui nome deriva dal latino pullus o pullum “terra emergente dalle acque correnti”. Il termine in questo suo significato risale al Medioevo e si riferisce a varie zone: Polesine di Ariano, Polesine di Ferrara o di San Giorgio e Polesine di Rovigo. Il Polesine è un’area geografica di recentissima formazione geologica generata dall’accumulo di detriti fluviali depositatisi fra i corsi inferiori dell’Adige e del Po, compresa nella Provincia di Rovigo. Esso è costituito dal territorio incluso tra il tratto terminale del Fiume Adige, a nord, del Po, a sud, del Mare Adriatico, a est, e la zona delle Valli Grandi Veronesi a ovest. Oltre ai fiumi Adige e Po anche un canale, il Tartaro detto Canalbianco, attraversa il Polesine, mantenendo il proprio corso tra i due fiumi principali.