Ikonemi Fotografia | GIULIA CALLEGARIN Acqua
1266
page-template-default,page,page-id-1266,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

GIULIA CALLEGARIN

Acqua

L’acqua è il vero elemento costitutivo del Polesine, da cui traggono origine la sua geografia, i colori e le consistenze degli ambienti, le caratteristiche e la stagionalità delle attività umane. Ho scelto quindi di concentrarmi su due tipi di luoghi significativi rispetto a questo tema:
– le golene, un tempo molto frequentate o persino abitate, ora luoghi solitari in cui è possibile trovare anche esempi dell’antica vegetazione che caratterizzava l’entroterra in epoca etrusco-romana
– gli scani e i campi vicini al mare, naturali simboli del continuo confronto dell’uomo con il mare, e del conseguente evanescente confine trai due.

 

bio

Giulia Callegarin, nata ad Adria, è laureata in Informatica, che continua a studiare a Venezia. Nel 2017 ha esposto al Museo Archeologico Nazionale di Adria all’interno del progetto “Una Visione Oltre”, alle ex carceri di Loreo in occasione del festival “Ora D’Aria” e alla Biblioteca Comunale di Porto Viro, con la serie “Le voyage rouge” sul Marocco.