Aperture: magazine di fotografia ed idee | On Feminism, numero 225, inverno 2016
577
post-template-default,single,single-post,postid-577,single-format-gallery,bridge-core-1.0.2,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-18.0.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Aperture: magazine di fotografia ed idee | On Feminism, numero 225, inverno 2016

Aperture: magazie di fotografia ed idee | On Feminism, numero 225, inverno 2016

a cura di Serena Marchionni

Il numero invernale della rivista Aperture è intitolato On Feminism ed è interamente dedicato ai dialoghi intergenerazionali, ai dibattiti e alle evoluzioni del femminismo nel campo della fotografia. On Feminism raccoglie in fotografie e immagini oltre cento anni di dibattito femminista. Il numero 225 di Aperture documenta come la fotografia ha plasmato il femminismo quanto come il femminismo ha plasmato la fotografia.

On Feminism presenta importanti contributi di artiste e critiche che attraverso il loro lavoro si sono interrogare sui modi di rappresentazione delle donne nei media e nella società. Anche se non tutte le autrici di questo numero possono essere definite femministe impegnate politicamente, occorre tenere presente la difficoltà nel definire univocamente cosa significhi essere femminista, ognuna di loro a suo modo si occupa di arte cultura e memoria, ed il lavoro di ognuna ha plasmato la storia ed il presente della fotografia ed il ruolo delle donne in tale arte.

Il numero del magazine include una tavola rotonda tra i curatori da Parigi e New York riguardo i fotografi modernisti tra le due guerre, un articolo di Nancy Princenthal sul femminismo d’avanguardia degli anni Settanta, il contributo di Eva Díaz sui visual politics, uno scritto di Laura Guy sulla ribellione erotica lesbica, Eva Respini sulla questione dell’astrazione, Julia Bryan-Wilson sulle visioni del femminismo trans e una conversazione con Renée Cox in merito alle icone nere femministe, oltre ai contributi e portfolio di Farah al Qasimi, Jennifer Blessing, Zackary Drucker, Catherine Morris, Al Steiner, Zanele Muholi, Yurie Nagashima, Elle Pérez, Laurie Simmons, Cosey Fanni Tutti, Gillian Wearing, e molto altro ancora.

Aperture 225

Winter 2016

 

Table of Contents

  • Front
  • Redux
  • Brian Wallis on Leonard Freed’s Black in White America, 1968
  • Spotlight: Eli Durst’s In Asmara, by Alexandra Pechman
  • Curriculum, by Martha Rosler
  • Dispatches, Maria Nicolacopoulou on Athens

 

Words

  • On Feminism, Contributions by Catherine Morris, Zanele Muholi, Laurie Simmons, Johanna Fateman, Zackary Drucker, and A. L. Steiner
  • Modern Women: David Campany in Conversation with Marta Gili, Julie Jones, and Roxana Marcoci
  • The Feminist Avant-Garde, by Nancy Princenthal
  • Sex Wars Revisited, by Laura Guy
  • A Taste of Power: Renée Cox in Conversation with Uri McMillan
  • History Is Ours, by Eva Díaz
  • On Defiance, by Eva Respini
  • Beyond Binary, by Julia Bryan-Wilson
  • Our Bodies, Online, by Carmen Winant

 

Pictures

  • Cosey Fanni Tutti | Introduction by Alison M. Gingeras
  • Gillian Wearing | Introduction by Jennifer Blessing
  • Yurie Nagashima | Introduction by Lesley A. Martin
  • Hannah Starkey | Introduction by Sara Knelman
  • Katharina Gaenssler | Introduction by Yvonne Bialek
  • Josephine Pryde | Introduction by Alex Klein
  • Laia Abril | Introduction by Karen Archey
  • Farah Al Qasimi | Introduction by Kaelen Wilson-Goldie
  • Martine Syms | Introduction by Amanda Hunt
  • Elle Pérez | Introduction by Salamishah Tillet

 

Back

  • Object Lessons
  • Les Femmes de l’Avenir, 1900–1902

 

Online Exclusives

  • A Portrait of the Artist as Claude Cahun, Gillian Wearing in Conversation with Nicholas Cullinan
  • The Radical Power of the Black Feminine Gaze, by Ladi’Sasha Jones
  • Laurie Simmons and Molly Ringwald are Playing with the Big Boys
  • Notes on a Scandal, by Rayya Badran
No Comments

Post A Comment