Camminare nei territori di margine Summer School 2019 | ikonemi con il Laboratorio del Cammino
2164
post-template-default,single,single-post,postid-2164,single-format-gallery,bridge-core-1.0.4,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-19.0.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Camminare nei territori di margine Summer School 2019 | ikonemi con il Laboratorio del Cammino

Sardinia Reloaded, camminare nei territori di margine è la terza edizione della Summer School itinerante promossa dal Laboratorio del Cammino (LdC), network inter-universitario di studenti e ricercatori che  utilizza il camminare come occasione per innovare contenuti e approcci dell’urbanistica.

Ikonemi, in qualità di membro del team del Laboratorio del Cammino, ogni anno partecipa alle attività formative della Summer School impegnando, Daniele Cinciripini e Serena Marchionni, nelle attività di didattica visuale e fotografica in cammino. La Summer School si è svolta nell’agosto 2019  e ci ha portati ad attraversare a piedi il territorio sardo tra Bari Sardo (NU) e Cagliari, passando per i territori dell’Ogliastra e del Campidano, sostando a Lanusei, Arzana, Jerzu, Perdasdefogu, Escalaplano, Goni, Silius, Sant’Andrea Frius e Settimo San Pietro.

I partecipanti, 30 studenti selezionati da  diverse università italiane, sono stati chiamati a indagare “in presa diretta” i mutamenti in atto nei paesaggi naturali e abitati, e a restituire narrazioni spaziali e possibili traiettorie progettuali utili a migliorarne le condizioni di abitabilità. La Summer School adotta un approccio di ricerca-azione finalizzato a osservare e descrivere il territorio utilizzando il cammino quale strumento per leggere le trasformazioni ed entrare in ascolto delle comunità locali.

La Summer School è stata l’occasione per indagare il tema dello spopolamento delle aree interne dell’isola (Ogliastra e Campidano). I territori attraversati sono emblematici e rappresentativi delle molteplici condizioni di marginalità di alcune realtà del territorio sardo: si tratta di aree interne a perifericità estrema che hanno subito in tempi recenti una cospicua perdita di popolazione, con importanti squilibri territoriali a carico delle aree costiere. Il lavoro degli studenti è orientato a ricercare il significato profondo delle relazioni tra insediamenti e territorio, osservare il rapporto evolutivo tra aree interne e sviluppo costiero, intercettare i saperi e le pratiche tradizionali, nonché le modalità innovative di cura di quel palinsesto, spesso fragile, di risorse materiali e immateriali che connota i territori attraversati.

I risultati dei lavori dei partecipanti sono stati presentati durante le giornate di Studi Torinesi, del 24 e 25 novembre 2019, e sono disponibili online nel sito del Laboratorio del Cammino.

No Comments

Post A Comment